Archivi categoria: saggi

Saggio: Bassa risoluzione, di Massimo Mantellini

Seguo Mantellini da anni, leggo il suo blog e gli articoli che pubblica altrove. Ho letto e commentato il suo La vista da qui.
Di Mantellini apprezzo la competenza e la capacità di esprimere il suo punto di vista in modo chiaro e brutale. Di solito mi trovo d’accordo.
Su Bassa risoluzione ho qualche perplessità. Da un lato non sono sicuro di capire del tutto il concetto dietro a questa espressione. Dall’altro non mi convince, ma suppongo che l’ho capito male e in sostanza la penso come Mantellini senza accorgermene.

In poche parole, in Bassa risoluzione Mantellini sostiene che, a causa delle tecnologie digitali, le nostre aspettative si sono ridotte. Non pretendiamo più la qualità, ma ci accontentiamo di ciò che troviamo. Esempi: la musica, visto che ci accontentiamo della qualità MP3 invece che ricercare l’alta fedeltà, o le foto, che scattiamo con il telefonino quando una reflex farebbe meglio. E questo lo applichiamo a tutto, anche all’informazione, ai film, alla politica, all’arte, all’educazione (?). Ma il problema è soprattutto che tendiamo a considerare bellissime le foto scattate con il telefonino, senza renderci conto che in realtà non lo sono, che con una reflex si farebbe meglio.

Le obiezioni mi riescono facili. Comincio dallo sforzo di produzione: la reflex fa foto migliori se chi la maneggia lo sa fare, altrimenti meglio il telefonino che con il suo software fa un lavoro migliore di un incompetente umano. Poi la praticità: il telefonino l’ho sempre con me, la reflex pesa e me la devo portare in giro.
(Io la reflex la uso, ho fatto dei corsi, non sono di certo un fotografo esperto ma ne so abbastanza per sfruttarla. A volte me la porto in giro, ma devo pianificarlo.)
Infine le funzioni: scattare una foto con il telefonino mi permette di condividerla immediatamente con una persona, con il mondo intero.

Le mie obiezioni sono applicabili anche agli altri campi in cui Mantellini parla di bassa risoluzione? Forse. Gli MP3 hanno certamente una qualità sonora inferiore, è scientifico, ma sono trasportabili più facilmente.

Allora forse il problema è di percezione: dobbiamo stare attenti a percepire la qualità delle foto che scattiamo o della musica che ascoltiamo. Essere consapevoli che alcune cose sono a bassa risoluzione per certi aspetti, perché preferiamo che abbiano altre qualità. L’MP3 ha una bassa qualità sonora ma è più trasportabile. La foto del telefonino ha una scarsa qualità fotografica ma il telefonino ha le funzioni per condividerla.

Sarò forse miope, ma non mi preoccupa la Bassa risoluzione, perché io sono consapevole di cosa uso a bassa risoluzione e cosa no. Ma capisco il discorso di Mantellini. Qualche tempo fa ho fatto vedere ai miei allievi un film. L’ho fatto partire dal computer di scuola, proiettato tramite un proiettore (beamer), e ho chiesto loro se il formato era giusto. Mi hanno detto di sì. Dopo mezz’ora mi sposto tra loro e guardo le immagini e mi sono accorto che erano schiacciate. Il formato non era quello giusto. Non era un 16:9 rispetto a un 4:3, la differenza era meno marcata, ma si notava. Eppure per loro andava bene. Peraltro io ho guardato Dune, penso nel 1988, nella sala tv di un albergo, su un televisore bombato, di sbieco. E mi è piaciuto.
Forse è di questo che ci dobbiamo preoccupare: educare i giovani a capire dove sta l’alta risoluzione e dove la bassa. A trovare il compromesso tra le due.

Massimo Mantellini, Bassa risoluzione, Giulio Einaudi Editore, Torino, 2018

Annunci

Rivista WMI 52, un commento

Leggo soltanto ora il numero 52 della Writers Magazine Italia, uscito a settembre 2018 e dedicato a: La grammatica – Agenzie letterarie – La scaletta – Sergio Fanucci – Mystfest – Premio WMI

Ecco l’indice:

  • Poesia: Da Petrarca a Bondì, di Laila Cresta
  • Casa, Racconto di Samantha Sebastiani
  • Scrittura: La grammatica, di Laila Cresta
  • Intervista: Franco Forte al Mystfest, di Filippo Radogna
  • Un posto di responsabilità, Racconto di Guido Anselmi
  • Letti per voi: Neria De Giovanni, Tacita Muta, La dea del silenzio di Laila Cresta
  • Scrittura: Agenzie letterarie di Franco Forte
  • Ero il nulla, Racconto di Liudmila Gospodinoff
  • Letti per voi: Angela Davis, Donne, razza e classe, di Laila Cresta
  • Tecnica: La scaletta di un’opera, di Luca Di Gialleonardo
  • Polvere di buio, Racconto di Antonio Tenisci
  • Letti per voi: Laila Cresta, La maestra e la strega, di Antonella Grimaldi
  • Niente lacrime per Cleopatra, Racconto di Macrina Mirti
  • Letti per voi: Patrizia Marzocchi, Il diciassettesimo conte, di Laila Cresta
  • L’intervista: Sergio Fanucci
  • Vincitori 42° premio WMI:
  • Skull’s Hill di Maria R. Del Ciello
  • Exit di Simona Godano
  • Secessione di Marco Pacchiarotti

Ed ecco il mio commento a parte dei contenuti.

  • Casa, di Samantha Sebastiani. È il racconto che mi ha lasciato più perplesso perché, per quanto scritto bene, non mi ha detto gran che. 
  • Un posto di responsabilità, di Guido Anselmi. Narrato con toni leggeri e quasi comici, delinea in realtà una situazione dai risvolti drammatici. Il racconto è costituito da un lungo dialogo serrato a scansione diretta. 
  • Ero il nulla, di Liudmila Gospodinoff. È una sorta di poesia in prosa. 
  • Polvere di buio, di Antonio Tenisci. L’ho trovato un po’ difficile da seguire. C’è una storia d’amore e un terremoto, i piani temporali sono due, c’è un’alternanza tra il prima e il dopo. È una storia di speranza, e questo è positivo, ma mi sono perso un po’ troppe volte e quindi l’ho trovato non del tutto efficace. 
  • Niente lacrime per Cleopatra, Di Macrina Mirti. La vita ordinaria e tranquilla di una veterinaria, con un marito e un bambino piccolo. La morte di un animale che ha salvato anni prima la porta a mettere in discussione la visione normalmente accettata di bene e di male, e cerca di trasmetterla a suo figlio. Si percepisce il suo disagio verso l’umanità, che ha scarse speranze di migliorare. Disagio però anche verso la sua vita, la sua situazione, sembra che questo marito appena tratteggiato non la coinvolga più di tanto. Una scrittura molto esplicita e lineare, che ricalca la normalità della situazione. 
  • Skull’s Hill, di Maria R. Del Ciello (vincitore Premio WMI 42). Questo testo racconta un episodio di una rivolta. Una situazione particolare, che sembra rappresentare tutte le situazioni simili. Protagoniste le donne. La scrittura è, soprattutto all’inizio, sincopata, interrotta, continuamente, in un modo che ben rappresenta la tensione della protagonista. C’è molto non detto e anche in questo caso non è sempre facile seguire la storia. 
  • Exit, di Simona Godano (secondo classificato Premio WMI 42). È un racconto strano, inizialmente difficile da classificare. Sembra un sogno, una visione, ma ha elementi concreti che suggeriscono al lettore una situazione reale e distopica, ma si chiude di nuovo con la sensazione che sia tutto un pensiero. Una via di fuga pare esistere. 
  • Secessione, di Marco Pacchiarotti (terzo classificato Premio Wmi 42). Qui la scrittura è più chiara, la situazione viene descritta abilmente e chiaramente. Siamo in una distopia dove le frontiere continuano a crescere, addirittura di quartiere in quartiere. Assistiamo alle vicende e alle riflessioni di un uomo che cerca di sopravvivere in questa situazione. 

Per quanto riguarda la saggistica, ho molto apprezzato La scaletta di un’opera di Luca Di Gialleonardo, dà dei consigli e delle tecniche molto interessanti per imparare a strutturare un romanzo. Tecniche che comportano l’uso del software Excel, ma che l’autore implementa per Scrivener nella nuova edizione del manuale dedicato al miglior software di scrittura creativa dell’universo. Notevole pure l’intervista a Sergio Fanucci nella sua veste di editore e di scrittore. 

Franco Forte (a cura di), Writers Magazine Italia numero 52, Delos Books

Robot 83

Silvio Sosio (a cura di), Robot 83, 2017, Delos Books, Milano.

Come spesso cerco di fare, ma non sempre riesco, propongo un commento alle letture di Robot, perlomeno alla parte dedicata alla narrativa. Della parte dedicata alla saggistica posso dire che ho molto apprezzato il lungo articolo su Edgar Allan Poe e il breve approfondimento dedicato alla storia della sf, su Roberta Rambelli. Troppo contorta, per me, la polemica di Gianfranco de Turris (Apologia della testa fra le nuvole).

robot_83_cover

Il sonno di Newton, di Ursula K. Le Guin. So che è una grande della fantascienza e moltissimi l’apprezzano. Credo che mi siano piaciuti altri suoi scritti, ora non ricordo quali, ma questo racconto non mi ha entusiasmato. Troppo onirico per i miei gusti.

Invertito, di Lukha B. Kremo (Premio Robot 2018, vincitore). Una bella miscela di fantascienza hard e fantascienza sociale. La struttura di una società diversa dalla nostra inserita in un racconto di esplorazione. Sento il sapore di un approccio alla fantascienza degno della golden age, aggiornato con grande originalità.

Sabbia nera, di Dario Tonani. In attesa di leggere il romanzo dedicato a Naila, la conosciamo attraverso questo frammento. Non mi ha colpito al cuore, forse lo apprezzerò di più dopo aver letto il romanzo. Mi sembra un fotogramma che può apprezzare chi ha visto il film intero.

La traversata al contrario, di Luigi Calisi (Premio Robot 2018, premio speciale della giuria). Un vero gioiellino giustamente riconosciuto dalla giuria del Premio Robot 2018. Un racconto africano e distopico dove eroi e non-eroi affrontano le micidiali avversità di ogni giorno. Il titolo non gli rende onore: il fatto che i flussi migratori vadano al contrario non è un punto centrale della storia, e non è nemmeno uno spunto molto originale. Non so se si voleva dare una veste politica, ma francamente il racconto non ne ha bisogno. È una storia di gente che emigra per necessità, tragica come ogni storia di questo tipo. La direzione in cui emigra onestamente mi sembra irrilevante. Ma per fortuna nel racconto di questo c’è solo un accenno, la storia è avvincente.

Ossa, polvere, nuvole, di Cristiano Fighera. Horror, più che fantascienza. Un genere di storia che non mi piace tantissimo. Scritto bene, con una gestione del punto di vista particolare e molto interessante, con uno spunto notevole e un finale che non ho apprezzato. Un autore da tenere d’occhio perché la fantasia di certo non gli manca.

Legioni nel tempo, Di Michael Swanwick. La parte iniziale mi è piaciuta un sacco. Ho iniziato, come molti, a leggere la fantascienza della golden age e qui ritroviamo quello stile, quegli ambienti, quei temi. Poi il racconto evolve, diventa per certi versi più interessante, per altri più arzigogolato.

 

 

Internet e le persone

Leggo su Internazionale Il mondo che Facebook vuole costruire, di Alexis C. Madrigal, tratto da The Atlantic.

Vi si dice, con tanto di citazione di Zuckerberg:

Zuckerberg ha dato un’idea di quel che pensa a proposito del significato di Facebook. Cosa perderebbe il mondo, si è chiesto, se sparisse?

La sua risposta è stata che nel 2004 su internet si poteva trovare quasi tutto, tranne ciò che più interessa alle persone: altre persone. “Per questo ho cominciato a creare un servizio che le mettesse in primo piano, anche nel rapporto con la tecnologia”, ha dichiarato.

Ho la sensazione che Zuckerberg faccia finta di non ricordare cos’era internet prima di Facebook.

Negli anni Novanta, poco prima dell’arrivo delle grandi aziende e degli uomini marketing, la rete era un luogo dove incontrare altre persone. Soprattutto sui gruppi di discussione (Usenet), ma anche sui primi siti web, il focus era sulle persone e sulle loro passioni.

Poi, verso la fine anni Novanta, c’è stato il turbine commerciale, che ha avvicinato molte persone e molte aziende alla rete ma ne ha in parte snaturato l’essenza, con molta irritazione da parte di chi la frequentava da un po’.

Dopo il crollo della new economy, la rete è rinata come web 2.0. Finalmente focus sulle persone, si diceva, ma in tanti sapevano che era in realtà un ritorno di qualcosa che non era mai davvero scomparso.

Il lavoro che verrà

Sul Corriere del Ticino di sabato 7 aprile Ivano D’Andrea, CEO del Gruppo Multi, riflette sulla preparazione da dare ai giovani in vista del lavoro che verrà. Lavoro che sarà fortemente influenzato dalle tecnologie digitali.

Tra le altre cose, si dice preoccupato perché i giovani che incontra sono “spesso a digiu- no di queste tendenze” e quindi ritiene, giustamente, che la scuola dovrebbe fare qualcosa. “Per intenderci” precisa “non si tratta semplicemente di mettere PC e iPad nelle nostre scuole, ma di far capire ai giovani il mondo della tecnologia che ci circonda”.

Nel nostro piccolo, cerchiamo di farlo. Forse senza arrivare a studiare l’intelligenza artificiale, la robotica e l’analisi dei dati, ma avvicinando le tecnologie ai ragazzi e, soprattutto, facendoli riflettere sul modo in cui usano queste tecnologie.

Suggerisce inoltre di avvicinare le aziende più innovative con la scuola. Anche questa è una cosa che si cerca di fare, ma con una certa cautela. Una cosa è la scuola, un’altra la formazione aziendale.

La scuola evolve con la società. La sua struttura fatica a cambiare, è vero, ma all’interno delle aule il cambiamento c’è, anche se forse non è molto visibile. E forse è lento, ma è anche vero che la scuola deve offrire ai giovani una spiegazione del mondo che dev’essere prima metabolizzata dalla società (e dagli insegnanti).

Ivano D’Andrea, Preparare i nostri figli al «lavoro che verrà», in Corriere del Ticino, 7 aprile 2018, pag. 4.

Robot 80

9788825401967_robot_80Silvio Sosio (a cura di), Robot 80, 2017, Delos Books, Milano

Foto di gattini, grazie; di Naomi Kritzer. Cerchiamo di non lasciare troppa libertà alle IA. Questo racconto mi è piaciuto molto: divertente e inquietante, usa uno stratagemma non originale ma lo rende molto piacevole.

La rotta verso il margine del tempo; di Piero Schiavo Campo. Alieni, buchi neri e militari. I grandi temi classici proposti con intelligente innovazione e un po’ di humor.

I rossi girasoli di Proxima; di Paolo Aresi. La vecchiaia nel futuro, una storia quasi poetica di un’amicizia.

Giù, sui fondali; di Vittorio Catani. Esperimenti sottomarini, inganni ed ecologia.

Il buco in fronte; di Claudio Chillemi. Legittima difesa e sensi di colpa.

La grande guerra silente; di Stefano Carducci e Alessandro Fambrini. Non si finisce mai di esplorare un pianeta.

Banana Boat Song; di Paul Di Filippo. Il nome più prestigioso, perché internazionale, ha scritto il racconto che mi è piaciuto meno. Ho fatto fatica a capirlo. Intravvedo un sacco di riferimenti a cose che non capisco.

 

 

 

Sull’insegnamento della scrittura

Un lungo e interessante articolo sullo stato delle capacità di scrivere in Italia, sul modo in cui la scrittura (non) viene insegnata, sull’importanza che viene data alla capacità di scrivere.

Con capacità di scrivere si intende qualcosa che va oltre la lista della spesa: la capacità di strutturare un testo, di riassumere e sintetizzare, di esporre una tesi o un pensiero.

L’articolo è ricco di dettagli che non riassumo: se ti interessa uno dei temi leggilo tutto perché ne vale la pena. I temi principali sono: la scrittura, la scuola, lo stato della società italiana. Ecco i riferimenti:

Claudio Giunti, Saper scrivere è così importante, Il Sole 24 Ore Domenica, 12 febbraio 2018 (consultato il 17.2.18).

Vorrei esporre qualche pensiero che scaturisce dalla lettura dell’articolo.

  • Se non sai scrivere non potrai insegnare a scrivere. E probabilmente se non sai scrivere non potrai insegnare.
  • Se non sai scrivere non potrai insegnare la capacità di apprezzare un testo scritto bene. Cioè c’è gente talmente ignorante che manco s’accorge se un testo è scritto male, in modo impreciso o poco comprensibile.
  • Questa è grossa: uno studente in Lettere, in Italia, affronta pochissimi esami scritti, di cui molti sono a crocette. Siccome anche al liceo la verifica è spesso orale, uno o una si laurea in lettere scrivendo molto poco.
  • Poter ripetere un esame all’infinito crea un pericoloso effetto: il docente ti promuove per l’impegno e la perseveranza. Ma sono in gioco anche altre dinamiche: le università ricevono fondi in base al numero di studenti e a quanto in fretta terminano gli studi. Ma in questo modo non guadagnano prestigio. L’ETH, che si piazza sempre in alto nelle classifiche sulla reputazione delle università, se ne sbatte allegramente: se deve bocciare il 60% di studenti li boccia. Si chiama selezione.
  • Lettere è una facoltà aperta perché “molti studenti non saprebbero che fare, dopo le superiori”. Il problema è capire che esistono altre strade, oltre allo studio, che possono cominciare dopo la scuola dell’obbligo. La formazione professionale, se fatta bene, porta ad avere buoni professionisti in molti campi d’applicazione.
  • La questione ricorsi è delicata anche nelle università italiane.
  • Badare più al contenuto che alla forma è un errore (e Giunti lo sa benissimo).
  • Non sono sicuro che scrivere prima a mano e poi copiare a pc sia la soluzione. Giunti avrà le sue valide ragioni per dirlo, ma io non potrei rinunciare alla velocità e alla flessibilità della scrittura a schermo. Ma io sono un estremista: fosse per me, abolirei l’insegnamento della scrittura a mano. Penne vietate.
  • Sulla tendenza tutta italiana a usare paroloni siamo d’accordo. Spesso si dimentica che il bravo scrittore/comunicatore è quello chiaro, quello che si fa capire dal suo pubblico, mica quello che parla difficile.
  • Un altro punto su cui non sono d’accordo con Giunti: la cura della scrittura parte anche dagli SMS. Anzi forse lì è indispensabile: più sei breve, più devi essere preciso ed efficace.
  • Un testo autorevole lo è su carta o su schermo.

Robot 79

9788825400564_robot_79

È uscito un anno fa (sono un po’ indietro con le letture). Ecco i miei commenti alla parte narrativa.

La figlia del fabbricante di slitte, di Alastair Reynolds. Il futuro immaginato da Reynolds per questo racconto non è dei migliori. Dev’esserci stata una guerra terribile che ha riportato la tecnologia indietro di secoli. L’uomo, invece, non è cambiato: predatore come al solito. Ci accompagna a scoprire questo mondo Kathrin, la figlia del fabbricante di slitte, caduto in disgrazia.

Estrazione, di Diego Lama. Un mistero da scoprire: che cosa si è fatto estrarre, Larry Bennet, dai ricordi? Un’indagine che ci porta a scoprire cose che era meglio dimenticare.

Il portatore di Dio, di Ilaria Tuti. Misteri e storie che si intrecciano in Vaticano. Un racconto breve dal ritmo rapido e serrato. Notevole la capacità di raccontare tante storie tutte insieme.

Ultima persona singolare, di Samuele Nava. Tanta abilità nel rendere originale e appassionante un tema tra i supersuperclassici della fantascienza.

Scafandro, di Manuel Piredda. Un altro mondo devastato, un ambiente alla Walking Dead in cui un uomo di muove grazie al suo scafandro.

Pechino pieghevole, di Hao Jinfang. Non mi capita spesso di leggere un’autrice cinese di fantascienza. In questo racconto viviamo una Pechino divisa in tre, dove una fetta di popolazione vive nel lusso, un’altra nella povertà e una sta in mezzo. Lo spazio e il tempo sono nettamente divisi: quando è il turno di una delle classi, le altre due dormono di un sonno artificiale e i loro spazi vengono piegati per far posto alla classe sveglia. Impossibile non pensare a qualche scena di Inception, ma le somiglianze finiscono lì. Seguiamo Lao Dao che dal Terzo Spazio si intrufola fin nel Primo Spazio per una missione in parte sua in parte no. Una scrittura particolare, che a volte pare ingenua, in realtà curata.

E ora affrontiamo altra letteratura cinese.

Silvio Sosio (a cura di), Robot 79, 2016, Delos Books, Milano

La conoscenza nell’era di internet

David Weinberger, in un commento a The Internet of Us: Knowing More and Understanding Less in the Age of Big Data di Michael P. Lynch, riflette sulla conoscenza nell’era di internet.

È un articolo lungo che affronta temi di filosofia della conoscenza. Trascrivo e riassumo ciò che ho colto e compreso (e che mi ha colpito) maggiormente.

Comincio le citazioni con un’affermazione che dimostra come David Weinberger, a quasi settant’anni, appaia entusiasta come un bambino di fronte alla possibilità di soddisfare ogni curiosità che gli possa venire in mente:

There has never been a better time to be curious, and that’s not only because there are so many facts available — it’s because there are so many people with whom we can interact.

Traduzione mia: Non c’è mai stata un’epoca migliore per essere curiosi, e non solo perché abbiamo a disposizione tante informazioni – è perché possiamo interagire con molte persone.

La fiducia in ciò che un sito propone (o in ciò che propongono i suoi utenti se è un sito partecipativo) dipende dagli strumenti che il sito stesso mette a disposizione.

Each site or service takes steps to establish the rules of engagement so that users can come to appropriate levels of trust about the claims made by the site and by other users.

Un lungo discorso sulla filter bubble, cioè sulla tendenza a esporsi alle opinioni di chi la pensa come noi, si conclude dicendo che la conoscenza e la cultura dipendono da persone che hanno idee simili che riflettono più volte su piccole differenze. Il confronto con persone che hanno idee molto diverse dalle nostre, se ben capisco, è interessante ma capita meno spesso di quanto si pensi.

Knowledge and culture depend on like-minded individuals joining together and iterating over tiny differences. This is how the net works. This is also how traditional knowing works. We did not like to acknowledge that. Now we can’t avoid it.

Il medium è il messaggio, diceva un altro saggio. Weinberger ci torna facendo notare che la struttura della conoscenza, che a noi sembra naturale, in realtà dipende dall’oggetto libro:

  • la conoscenza è ritenuta costante, permanente, fissata, perché l’inchiostro sulla carta è indelebile;
  • dividiamo la conoscenza in discipline perché i libri hanno una dimensione limitata;
  • il nostro modo di esprimere la conoscenza è una lunga catena di ragionamenti perché i libri sono sequenziali e poco adatti alle digressioni facoltative;
  • la conoscenza è qualcosa che spesso subiamo passivamente perché i libri sono inerti (lo diceva già Socrate);
  • la conoscenza è indipendente da chi la crede perché i libri sono oggetti fisici estranei ai loro autori e ai loro lettori.

Da qualche decennio, aggiungo io, si parla di ipertesto, cioè di un formato di testo che non è sequenziale e che si avvicina di più al modo in cui funziona la mente umana.

Knowledge is settled belief because ink settles into paper. Knowledge divides into topics because books can only be so big. Our most revered form of knowledge consists of long chains of reasoning because books are sequential and not suitable for optional digressions. Knowledge is something most of us read passively because books are inert — just as Socrates had opined in the Phaedrus. Knowledge is a type of content independent of believers because books are physical objects that outlast their authors and readers.

La conoscenza sta cambiando. È già cambiata, sostiene Weinberger. La conoscenza è ciò che accade quando colleghiamo differenze e persone.

That’s already happening. Knowledge is becoming what happens when links connect differences and people.

La rete dimostra la debolezza della conoscenza come fissa, finita e statica. Lo fa immergendoci in profondità nell’apprendimento.

The net is demonstrating the weakness of knowledge as finished, settled, and static content. It’s doing so by plunging us deeper into knowing.

La scienza è inserita in profondità nel nostro sistema di strumenti, di potere, economico, di genere, psicologico, in tutte le sfaccettature dell’essere umano.

Science is deeply embedded in systems of instruments, power, economics, gender, psychology — in short, in all the different facets of being human.

La mente lavora con delle estensioni: il fisico non può risolvere un problema senza usare una lavagna, un contabile ha bisogno di una calcolatrice, il filosofo di libri e carta e penna e forse anche di un camino e un bicchiere di sherry. Pensiamo con degli strumenti. La rete è un’estensione della nostra mente, è un nuovo strumento per pensare che include i motori di ricerca, le pagine web, reti complesse di esperti e appassionati.

Lynch is able to treat the net as a simulacrum because he thinks knowing is something we do in our heads. We build up to meaning by starting with sensation. But the net, in his view, is sensation without a real referent. It is a representation of a representation. It is therefore too bad that he dismisses Andy Clark and David Chalmer’s “extended mind” idea by saying, “it might be right but we don’t have to go that far” because the mind is already extended, by which Lynch means that we rely on the testimony of others to justify our beliefs. But the extended mind concept says something more: we think with tools. The physicist cannot think about a problem without using a white board. An accountant needs a calculator. The philosopher needs books and writing materials and perhaps a fire and a glass of sherry. We think with tools. We think out in the world, not in inner representations of the world. And now we have new tools for thought. These tools include not just search engines, but everything from web pages to complex multi-modal networks of experts and amateurs. That is where thinking and knowing is now happening.

La rete è un insieme di individui che mantengono la loro individualità – cioè le loro differenze – mentre sono in relazione gli uni con gli altri.

This leads Lynch to his summary dismissal of networked knowledge: “You can’t take the individual out of the equation.”
No, you can’t, and the most important new form of networked knowledge does not. A network in our new age is a set of individuals who maintain their individuality while in relation to one another — that is, while maintaining their differences. The knowledge exists in their individual expressions and, most importantly, in their links to one another.

La messa in rete della conoscenza è legata al suo contesto sociale, contiene differenze che ora sono collegate. Spesso è spezzettata, ma i pezzetti sono collegati con un mondo più grande di quello di tutte le biblioteche mai esistite. Tutti possono parlare, anche gli stupidi o i malvagi. L’autorevolezza dev’essere guadagnata, non dichiarata. Le regole del ragionamento variano non solo tra discipline diverse, ma anche tra conversazioni diverse. La conoscenza viene rimpiazzata dall’apprendimento, e l’apprendimento ora è gratis per tutti.

The networking of knowledge does not achieve the aims traditional knowing has set for itself. It is settled only within a community of believers — and not all communities of believers are right. It is inextricable from its social context. It inevitably contains differences, but those differences are now linked. It is as discursive as the net itself. It often comes in small bites, but those bites are linked out to a world larger than all the libraries that ever existed. Everyone gets to speak, even stupid, evil people. Authority generally has to be earned, not declared. The rules of reasoning vary not only within domains but within each conversational forum. Knowledge is being replaced by knowing, and knowing is now a free-for-all. At its best, this knowing does what Lynch recommends: it thinks explicitly about its rules of justification. At its worst, it’s a howling mob.

 

David Weinberger, Rethinking Knowledge in the Internet Age, The Los Angeles Review of Books, 2 maggio 2016

Saggio: Di Fraia, Social media marketing

G. Di Fraia, Social media marketing. Manuale di comunicazione aziendale 2.0

La mia recensione su Amazon.it:

Un buon saggio sul social media marketing e sul suo significato. Indicazioni anche sugli aspetti pratici. Sull’argomento ho però trovato libri più interessanti.