Romanzo: Fore Morra, di Diego Di Dio

9788866883265_largeAzione, azione, azione.

Un romanzo denso di azione che non ti lascia staccare gli occhi dalle pagine nemmeno per un istante. Una sequenza di eventi e di colpi di scena impressionante.

I due piani temporali principali (il presente di Alisa e il suo passato) si alternano freneticamente e ci svelano la storia terribile ma di speranza di una killer professionista e i suoi retroscena.

Napoli, la camorra, le gang di spacciatori, le vite ai margini della società. Tutte cose che non mi hanno mai appassionato un gran che. Ma in questo romanzo sono dosate al punto giusto e realistiche quel tanto che basta a non renderle forzate. La camorra come sfondo, non come protagonista. Come ambiente in cui raccontare la storia di alcuni personaggi, le cui caratteristiche emergono non grazie a sofisticate – e noiose – descrizioni, ma grazie alle cose che fanno, alle azioni che compiono, alle reazioni che hanno di fronte a eventi e situazioni difficili.

L’abilità dell’autore, una delle sue abilità, è quella di portarci a conoscere profondamente i suoi personaggi senza quasi mai parlare di essi. Semplicemente mostrandoceli in azione.

Difetti? Sarà che forse ho un po’ di esperienza di thriller letti o visti, ma sono riuscito ad anticipare durante la lettura gran parte dei colpi di scena. O perlomeno mi ero fatto qualche ipotesi. Ma questo non toglie nulla alla potenza della narrazione, che porge i suoi punti di svolta sempre al momento giusto e calibrati nel modo giusto. Sul modo di scrivere posso dire che, in generale, la lingua della narrazione è ricca di espressioni regionali, ma non è un difetto perché il romanzo è in prima persona quindi è una ricchezza (ma ammetto che ogni tanto ho fatto fatica a capire le parti in napoletano). Ciononostante, la lingua della narratrice è un filo troppo elaborata per essere quella di una ragazza cresciuta ai margini della società e che per di più non ama la scrittura. Tuttavia la narrazione, pur al presente, potrebbe essere stata scritta da una Alisa più anziana, più matura, che forse ha imparato da Buba il piacere della lettura e si è acculturata.

Diego Di Dio, Fore Morra, 2017, Fanucci, Roma

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...