Film: Men, Women & Children

men_women_26_children_posterUn po’ telenovela, un po’ commedia, un po’ dramma, in questo film che segue le orme di Disconnect.

Sono sei le storie che si intrecciano mentre il regista Jason Reitman tenta di dipingere la realtà digitale dell’uomo occidentale.

Si comincia con un marito e padre di famiglia costretto al sesso solitario sbirciando la cronologia del figlio adolescente, il quale a sua volta è incapace di un rapporto sessuale normale perché assuefatto alla cyberpornografia. Se il padre otterrà soddisfazione con una prostituta, mentre la moglie incontra innumerevoli amanti su un sito apposito, il figlio non riesce ad avere un rapporto normale/fisico quando nel letto gli si infila la supertopa della scuola, spinta all’esibizione  dalla madre, attrice fallita. Che a sua volta intreccia una storia con un uomo vecchio stile, abbandonato dalla moglie.

Sull’altro versante troviamo la madre super-iper-extra-protettiva, che controlla tutta la vita online della figlia adolescente leggendo ogni singola parola delle sue chat (e quella offline?). Arriverà a fingersi lei nel rispondere a un ragazzo, che nell’adolescente aveva trovato un senso della vita dopo che il football e i videogiochi l’avevano deluso. Finirà molto male.

E al football è legata un’altra vicenda, quella di una ragazzina ex-cicciotta con problemi di anoressia che regala la sua prima volta al giocatore di football più grande di lei di cui si è innamorata. Lui ovviamente non ricambia l’amore e, anche qui, finirà male.

Ho apprezzato l’interpretazione degli attori, soprattutto di quelli giovani. Incredibilmente la presenza di Adam Sandler non mi ha dato troppo fastidio.

Ma la storia è vecchia, i personaggi – quasi tutti – molto stereotipati, e la riflessione sull’uso delle tecnologie digitali non va oltre la superficie, prova ne è che i conflitti relazionali, nati anche online, vengono risolti solo offline. Non basta la veste carina in cui i messaggini vengono visualizzati per farci capire che i social network sono il nuovo muretto.

In sostanza, non ho apprezzato tutto questo pessimismo nel vedere le innovazioni tecnologiche della comunicazione inserite nella vita quotidiana e nei rapporti tra le persone. Ciò che questo film dimostra è che se siamo brutte persone offline, come molti dei protagonisti adulti di questo film, lo restiamo anche nel mondo online.

Proprio per i suoi difetti, Men, Women & Children può essere un ottimo spunto per discutere con i miei allievi.

Imdb: Men, Women & Children

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...